ARCHIVIO NOTIZIE

01 – INDICAM NEWS

Fake is dangerous

di Mariachiara Anselmino

NL 03.2022

È di recente pubblicazione l’ultimo rapporto dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) sul commercio di beni contraffatti che pongono rischi per la salute, la sicurezza e l’ambiente.

Lo studio, basandosi su un set di dati riferiti a sequestri, ulteriori informazioni di enforcement e interviste con esperti del settore, mira ad offrire uno spaccato sull’entità e la portata dei falsi pericolosi.

Un importante richiamo a non sottovalutare i rischi che questo mercato illecito pone ad una molteplicità di stakeholder e al benessere del pianeta.

Il rapporto evidenzia come  i prodotti di abbigliamento, i pezzi di ricambio per automobili, i dispositivi ottici e del settore medicale, nonché i prodotti farmaceutici, sono i prodotti contraffatti pericolosi più diffusi, con tre quarti di sequestri riferiti a beni provenienti da Cina (55%) e Hong Kong (19%) e destinati a Unione Europea e Stati Uniti.

Ancora una volta si conferma, sulla spinta incessante del commercio digitale, il ricorso massiccio a spedizioni parcellizzate, che rendono difficoltoso il controllo e il fermo da parte delle autorità di enforcement, e che diventano un canale privilegiato anche per la movimentazione di prodotti contraffatti pericolosi soprattutto per i settori della cosmetica, dell’abbigliamento, dei giocattoli e dei pezzi di ricambio delle automobili.

Anche nell’online, la Cina rimane il principale paese di provenienza dei prodotti a rischio (75%).

Gli stravolgimenti causati dalla pandemia da Covid-19 hanno impattato fortemente sulle filiere produttive e le catene di approvvigionamento, causando una reale disruption nell’offerta e accesso ad un ampio ventaglio di prodotti, comportando, d’altro lato, un aumento della domanda di beni contraffatti.

In secondo luogo, la recente crisi ucraina e le conseguenti sanzioni inflitte da Unione Europea e Stati Uniti alla Russia rendono probabile un ulteriore grave rottura delle supply-chain, con effetti di estrema serietà anche sotto il profilo dell’accesso a prodotti falsi e della complessa tutela della proprietà intellettuale.

I numeri, confermati anche dal rapporto in esame, ci descrivono un fenomeno criminale con un impatto considerevole non solamente per i titolari di diritti di proprietà intellettuale ma anche per la salute e sicurezza dei consumatori – i rischi derivano dai metodi di fabbricazione, dal ricorso a determinate materie prime e componenti – e l’ambiente – che per le medesime ragioni viene quotidianamente compromesso, anche nel momento del sequestro, quando il sistema di smaltimento, nella maggior parte dei casi, si concentra sulla combustione del prodotto-rifiuto.

Forti di questi dati, la speranza è che l’opportunità concessa dal ciclo EMPACT per il contrasto ai crimini internazionali che colpiscono gli Stati Membri venga veramente colta, auspicando una maggiore attenzione alla lotta contro la contraffazione.

Scarica il documento

Diffondiamo una cultura dell’acquisto originale

Scopri le attività di INDICAM e le collaborazioni con i vari stakeholder nazionali e internazionali.