ARCHIVIO NOTIZIE

01 – INDICAM NEWS

EMPACT: guida per i brand owner in materia di rinvii penali nei casi di reati contro la proprietà intellettuale

di Giovanni Gumina

NL 04.2024

Dal 16 al 18 aprile si sono svolti nella sede dell’EUIPO, ad Alicante, i gruppi di lavoro dell’Osservatorio sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale. All’interno del gruppo di lavoro “Enforcement”, l’Osservatorio ha presentato la pubblicazione del documento “Intellectual Property Owner Guide to Criminal Referrals in Intellectual Property Crime Cases”.  

Tale pubblicazione è stata concepita con lo scopo di fornire agli IP Owner gli strumenti necessari per segnalare i casi di violazione IP rendendo più efficace il rinvio penale e la fase investigativa. Grazie all’attività dell’Osservatorio, la guida è stata implementata dopo più di due anni di lavoro all’interno delle priorità EMPACT (European Multidisciplinary Platform Against Criminal Threats), strumento permanente strategico a livello europeo per il contrasto dei reati seri di criminalità organizzata, tra cui i reati connessi contro i diritti IP (priorità EMPACT dal 2022).

Basandosi su un’estesa raccolta di dati e informazioni (tra cui più di 50 interviste), la guida intende fornire un insieme di indicazioni pratiche nei casi di violazione IP che possano essere applicabili nel territorio UE e oltre.  In particolare, nella fase di raccolta dati e interviste, INDICAM, nella persona del Direttore Generale Juna Shehu assieme allo Studio Legale Bana, rappresentato dell’Avv. Antonio Bana e l’Avv. Sara Tarantini, hanno fornito un importante contributo alla pubblicazione.

Altri professionisti attivi all’interno dell’Associazione, tra cui l’Avv. Riccardo Castiglioni e l’Avv. Elio de Tullio, hanno offerto il loro contributo nella stesura della guida.

Dal report emerge quello che sottolineiamo da tempo, ovvero che nell’ambito di un’azione penale non si può prescindere da un sostegno attivo dei titolari di PI. Sono i brand owner che per primi devono fornire le informazioni rilevanti alle autorità inquirenti, dando il supporto necessario affinché il (presunto) diritto violato sia tutelato e (possibilmente) i danni ripristinati.

Considerando tale premessa come condizione necessaria al fine della tutela dei propri asset intangibili, il tema si sposta principalmente sul come interagire con le autorità e quali sono le opportunità e il ruolo del brand owner che si trova coinvolto nell’attività repressiva. La guida è certamente molto utile a livello operativo anche e soprattutto per le piccole e medie imprese, che si trovano magari ad affrontare per la prima volta un rinvio penale in materia di PI.

Essendo i reati di criminalità economica un fenomeno globale, l’approccio di analisi e contrasto deve necessariamente essere consapevole delle differenze esistenti non solo tra gli istituti giuridici volti a tutelare l’ampia gamma di diritti IP, ma anche le divergenze tra i sistemi nazionali.

La ricchezza di tale guida risiede nel fornire passo dopo passo – dalla valutazione del reato contestato fino alla raccolta delle informazioni atte a far valere il proprio diritto in giudizio – una serie di spunti che sono frutto di molteplici esperienze nell’ambito Europeo e non solo.

Per un approfondimento segnaliamo che la guida, il sommario e la “check list” delle azioni da tenere in considerazione quando si tratta di affrontare un rinvio penale è disponibile al sito dell’EUIPO [consultabile al seguente link].

 

Diffondiamo una cultura dell’acquisto originale

Scopri le attività di INDICAM e le collaborazioni con i vari stakeholder nazionali e internazionali.