ARCHIVIO NOTIZIE

01 – INDICAM NEWS

Marca, Internet e contrasto alla disinformazione: il manuale Centromarca per il contrasto alle fake news

di

L’e-book a cura di Centromarca che Contiene indicazioni per la gestione di criticità reputazionali, aspetti legali e danno patrimoniale, con i contributi di Reputation Manager, Studio Previti e Lear, è scaricabile gratuitamente

 

Dalla Prefazione di Francesco Mutti, Presidente Centromarca

“I mercati sono conversazioni”. Nel 2000 questa affermazione dell’economista Ferdinando Galiani, bella intelligenza del Settecento italiano, apriva il Cluetrain Manifesto di Levine, Locke, Searis e Weinberger.

Il documento, che descriveva l’impatto di Internet sui mercati e sui consumatori, determinò subito un forte dibattito. “È cominciata a livello mondiale una conversazione vigorosa”, sottolineavano gli autori. “Attraverso Internet, le persone stanno scoprendo e inventando nuovi modi di condividere le conoscenze pertinenti con incredibile rapidità. Come diretta conseguenza, i mercati stanno diventando più intelligenti e più veloci della maggior parte delle aziende”.

Vent’anni dopo l’effetto della diffusione di architetture tecnologiche complesse è sotto gli occhi di tutti. Miliardi di dispositivi fissi e mobili sono collegati tra loro. Le opportunità offerte dal digitale hanno aperto la strada a nuove forme di relazione tra le persone, che hanno imparato velocemente a lavorare, acquistare, condividere idee, giudizi e progetti in modo diverso. Dati e informazioni viaggiano in tempo reale, superano confini, alimentano dialoghi che interessano persone e macchine. Per chi fa impresa Internet è una fonte straordinaria di dati e informazioni. La competizione si gioca su capacità di ascolto, selezione e analisi che sono fondamentali per tradurre i numeri in strumenti di supporto decisionale che possono fare la differenza nella definizione di scelte strategiche e tattiche aziendali.

Anche sul piano sociale l’effetto di Internet è stato dirompente. La sua forza pervasiva è arrivata a determinare la realtà, le relazioni, la stessa interpretazione del mondo da parte delle persone. Tuttavia la Rete, con le sue conversazioni, le piattaforme social, le echo chamber è anche un potente veicolo per la diffusione di notizie false, che minano la reputazione di chiunque, quindi anche di un’azienda e dei suoi prodotti. L’obiettivo di chi le confeziona è pregiudicare il rapporto fiduciario esistente tra gli stakeholders (sarebbe sbagliato fare riferimento solo al consumatore) e l’impresa, con effetti a cascata in termini di deterioramento delle relazioni, riduzione delle vendite, complicazione dei rapporti con i canali distributivi, costo delle iniziative varate per gestire la crisi ecc.

Avversare questo fenomeno non è semplice. Implica per l’azienda un’accurata attività di ascolto e analisi dei dialoghi in Rete, unita a rapidità di intervento e capacità di coinvolgimento di attori esterni (consulenti, piattaforme digitali, magistratura, Polizia Postale, ministeri competenti…) al manifestarsi della criticità.

Per contribuire al contrasto delle fake news, nell’ultimo triennio, Centromarca ha potenziato i suoi interventi, varando un articolato piano di iniziative di aggiornamento per i manager delle industrie associate e formazione per i suoi pubblici in collaborazione con l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, la Polizia Postale, l’Ordine dei Giornalisti.

Questa pubblicazione, che riassume una serie di informazioni di base per prevenire ed affrontare un attacco reputazionale, aggiunge un ulteriore tassello al lavoro svolto. Il curatore e gli autori – che ringrazio per l’impegno e lo spirito di servizio con cui si sono dedicati a questo progetto – hanno redatto un concreto contributo all’aggiornamento della cultura d’impresa. Le pagine inquadrano il contesto sociale e tecnologico che alimenta il proliferare dei fakes, le modalità di prevenzione e gestione di una crisi, le forme di tutela legale e gli strumenti per la valutazione del danno commerciale che può derivare dalla diffamazione di un’azienda o di un prodotto.

Centromarca, d’intesa con gli autori, ha deciso di rendere l’opera liberamente downloadabile per favorirne la diffusione nel mondo delle imprese, in particolare di quelle di piccole e medie dimensioni che popolano il settore dei beni di consumo. Una scelta coerente con l’approccio responsabile ed il ruolo trainante che l’Industria di Marca gioca nella filiera e nel contesto economico e sociale del nostro Paese.

Per scaricare il testo integrale

http://bookcontrastodisinformazione.centromarca.it/

Scarica il documento

Diffondiamo una cultura dell’acquisto originale

Scopri le attività di INDICAM e le collaborazioni con i vari stakeholder nazionali e internazionali.