Warning: Declaration of YOOtheme\Theme\Wordpress\MenuWalker::walk($elements, $max_depth) should be compatible with Walker::walk($elements, $max_depth, ...$args) in /var/www/vhosts/indicam.it/httpdocs/wp-content/themes/yootheme/vendor/yootheme/theme/platforms/wordpress/src/Wordpress/MenuWalker.php on line 8

PROPRIETA’ “SOSTENIBILE” INTELLETTUALE: LA SFIDA DEL DIGITALE

di Mariachiara Anselmino

La Digital Week milanese 2021 è stata all’insegna di un tema piuttosto caldo negli ultimi anni, quello della sostenibilità.

Ma esiste una proprietà intellettuale sostenibile? Quali sono i rischi in cui possono incorrere le imprese nella comunicazione del loro essere green? Qual è l’impronta ecologica dell’e-commerce? Tanti e diversi i quesiti da cui siamo partiti per inaugurare questa quarta edizione della settimana dedicata all’innovazione, stavolta declinata sull’importante tema dell’equo e sostenibile.

INDICAM è stata protagonista del palinsesto con una serie di interventi da diverse prospettive, atti a comporre un più ampio quadro sul legame sussistente tra diritti di proprietà intellettuale, comunicazione e sostenibilità.

Il webinar è stato aperto dall’Avvocato Gianluca De Cristofaro, partner dello studio legale LCA, con un’interessante analisi sui limiti e le condizioni di una comunicazione sostenibile, ponendo l’attenzione su green claims, asserzioni ambientali e greenwashing. Ci si è concentrati sulla normativa – dalla Direttiva relativa alle pratiche commerciali sleali tra imprese e consumatori e il Codice del Consumo, dal Codice di autodisciplina della comunicazione commerciale al Green Deal europeo – e sull’esigenza di trasparenza sottesa al framework legale, con uno sguardo sui casi che hanno coinvolto alcune aziende e l’indicazione di “tips & tricks” per evitare alle imprese di incorrere in errori che possono pagare a caro prezzo sul piano reputazionale.

Il taglio particolarmente pratico dell’evento è stato reso possibile anche grazie al contributo dell’Avvocato Elena Martini dello studio Martini Manna, che, in ambito green claims, ha reso nota una serie di decisioni dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sulle diciture riportate su prodotti e contenuti pubblicitari di alcune note aziende di diversi settori merceologici.

Un ulteriore tassello della conversazione, poi, ha riguardato la sostenibilità dell’e-commerce, mercato cresciuto vertiginosamente soprattutto nell’ultimo anno con lo scoppio della pandemia. Insieme agli Avvocati Chiara Viale e Giulia Suigo dello studio legale A&A, si è evidenziata l’impronta ecologica del commercio digitale, considerando l’impatto delle ricerche e della navigazione sul web, degli imballaggi dei prodotti e delle consegne veloci.

Guardando al mondo IP, nell’ambito Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, non potevano essere tralasciati il marchio di qualità ecologica europea “Ecolabel”, applicabile a beni e servizi che soddisfano elevati standard ambientali durante tutto il loro ciclo di vita e il “Made Green in Italy”, lo schema nazionale per la valutazione e comunicazione della carbon footprint dei prodotti, atto a promuovere la green economy rispetto ad un uso eccessivo di risorse naturali.

Questo “digital day” per INDICAM si è concluso con la stimolante esperienza di Save The Planet, onlus per la tutela dell’ambiente, che ha portato l’attenzione dell’uditorio sui rischi legati alla comunicazione vuota del greenwashing, rischi di immobilismo e inazione rispetto al problema: perché, utilizzando le parole dell’Ingegnere Elena Stoppioni, Presidente dell’associazione, “più se ne parla, meno si agisce”.

Un intervento fuori dagli schemi, e non immediatamente collegabile al mondo INDICAM, ma che in realtà ci suggerisce l’esistenza di un filo rosso tra proprietà intellettuale e sostenibilità: quello dello sviluppo, dell’innovazione, della crescita che passa attraverso normative tecniche e certificazioni ambientali, per cui ciò che è definito “green” lo è perché supportato da evidenze obiettive.

Il take-home message? Rendere visibile all’impresa il beneficio dell’agire sostenibile, supportandola nella costruzione di un piano industriale improntato allo sviluppo sostenibile, con il coinvolgimento degli stakeholder sul territorio; solo così è possibile creare un contrappeso alla sterile conversazione sull’essere green, rendendosi invece parte attiva di un cambio di paradigma necessario perché il futuro sia migliore del presente.

Scarica l’articolo in PDF!


INDICAM
Via Serbelloni 5, 20122 Milano
C.F. 97057580157